E il Cuore sognò di essere capito ascoltato e accettato pur nella sua forma fragile ma tenace…

La via della luce

E vagava senza pausa nei meandri del proprio io… confusa, ansante, alla ricerca di qualcosa che non sapeva …ma doveva trovare!
Una gran confusione le si proiettava, un garbuglio di fili di colori diversi e zone d’ombra dove a malapena riusciva a vedere…
Bagliori improvvisi, poi di nuovo buio…A tratti in angoli seminascosti bambine di età diversa perse in quel mondo che pareva non appartenerle…occhi vispi, capelli scomposti cantavano nenie con la testa reclinata da un lato ed un sorriso perso nel vuoto di un’attesa… sembravano fantasmi di un’era lontana anni luce
 

E vagava attenta a non inciampare ancora fili…matasse scomposte che sembravano dimenticate, attentamente le schivava senza sfiorarle, il solo guardarle le provocava ansia… lei che amava l’ordine perfino nelle tasche… ma dov’era capitata? Pensieri le si affollavano nella mente e pensieri ricadevano al suolo aumentando quelle matasse…

Ha capito finalmente… si ferma di botto intimorita seguendo con lo sguardo l’ultimo pensiero …trasformarsi in filo

 Scuote la testa con energia quasi a volersi liberare di ogni subdolo cruccio ma la sua immagine si staglia in uno specchio dove il suo riflesso ironicamente senza perifrasi le urla che quello è il suo mondo, quelli i suoi giorni, la sua paura… il suo vivere

E la risata… quella risata sarcastica penetrante … tanto da farle tappare le orecchie e chiudere gli occhi dallo sgomento la scuote nel profondo…

Si rivedeva riflessa e non si riconosceva… rifiutava quell’immagine, quello specchio, quei fili… lei era semplice diversa anni luce da quella donna…

Ecco …ma si… aveva lo stesso suo vestito, gli stessi capelli …ma non aveva i suoi occhi…Sono gli occhi che differenziano le persone…
Si piega per raccogliere una matassa di quei fili che non aveva osato sfiorare prima per lanciarla contro lo specchio… e frantumare quella visione così dissonante da lei…

Ma ecco che nel momento in cui la sfiora… tutti quei fili si sciolgono come per incanto…
Attonita si osserva le mani… poi di scatto alza lo sguardo verso lo specchio…e le pare di cogliere un sorriso abbozzato in quel volto che tanto l’aveva scossa…allora senza sapere nemmeno il perchè inizia a sfiorare altre matasse… che svaniscono al suo lieve tocco…ed avanza… avanza… con passo più deciso spinta da una forza a lei sconosciuta…

La vita bisogna affrontarla sempre comunque vada… iniziando a rimuovere i fantasmi che si annidano nel nostro io… ad uno ad uno… con certosina calma… quella soltanto è la via della luce!

Annunci

4 Risposte

  1. sempreiocry

    ………fA’ vibrare l’anima il tuo racconto…

    e io aggiungo ..bisogna “sapersi perdonare….”
    unbacione a te…

    21 maggio 2011 alle 18:55

  2. francesca

    semplicemente fantastico e penetrante il tuo racconto

    5 giugno 2011 alle 08:57

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...